Nuovo aggiornamento privacy Whatsapp: quali sono le novità riguardanti le imminenti direttive sulla sicurezza dei dati e per quale motivo non dovremmo minimamente preoccuparci.

Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da una maggiore presa di coscienza inerente la salvaguardia dei dati personali sulla rete. Un’attenzione che ha portato allo sviluppo di normative specifiche da parte degli organi competenti. Un esempio rilevante è il GDPR, il Regolamento per la protezione dei dati  in atto dal 2018 negli Stati appartenenti all’Unione Europea, rappresentante un’arma in più per la tutela della privacy dei cittadini UE.

Questo è considerato un evento cruciale in tal senso, che ha portato gli utenti di tutto il mondo a prestare attenzione in merito a questo argomento. Non a caso un vivace dibattito si è acceso ultimamente riguardo il nuovo aggiornamento privacy whatsapp. Una revisione che desta una certa apprensione per la sicurezza dei dati personali. Ma quali sono le principali novità apportate? C’è davvero da temere qualcosa? In realtà no, soprattutto per i paesi comunitari.

Nuovo aggiornamento privacy Whatsapp

Whatsapp è una delle applicazioni più utilizzate al mondo, se non la prima per quanto concerne la messaggistica istantanea, caratterizzata da un servizio che ha sempre soddisfatto l’utente. Negli ultimi tempi però è salita alla ribalta la questione connessa al nuovo aggiornamento privacy Whatsapp, con affermazioni che hanno suscitato una certa preoccupazione verso i consumatori del digitale, intimoriti dalla possibilità di vedere trafugate le proprie generalità gestite da chissà chi. Naturalmente non vi è alcun problema in tal senso, con modifiche che poco o niente influiranno sull’esperienza d’uso delle persone.

I termini dell’informativa sulla nuova privacy Whatsapp saranno messi in atto dall’8/02/2021, illustrati all’interno di un messaggio riepilogativo già pervenuto a numerosi utenti. Coloro i quali hanno avallato il tutto vedranno l’avvio del regolamento a partire da questa data. Chi si rifiuta invece non potrà più usufruire dell’applicazione.

Nuovo aggiornamento privacy Whatsapp

I dati verranno gestiti da Facebook? Non per gli utenti UE

Cosa comporta il cambio delle condizioni di servizio del nuovo aggiornamento privacy Whatsapp? Prevede la possibilità da parte di Facebook di utilizzare le informazioni provenienti da Whatsapp, ma ciò non vale per le Nazioni facenti parte della Comunità Europea (incluso il Regno Unito). Il GDPR citato ad inizio articolo implica l’impossibilità da parte del social network di Zuckerberg (che ricordiamo essere proprietario di Whatsapp) di usufruire dei dati estrapolati dai soggetti che usano Whatsapp.

Discorso diverso invece per i paesi extra UE. In essi Facebook potrà gestire le informazioni con lo scopo di ottimizzare l’esperienza utente, oltre che integrare nuove funzioni in ambito marketing, quindi gestione delle inserzioni e vendita dei prodotti.